Francesco Verducci: “Il Pd lanci un patto per la partecipazione contro esclusione e diseguaglianze”

la Repubblica, 10 febbraio 2017
 
 

Francesco Verducci, la lettera per andare a votare «appena possibile» è la risposta al documento dei 41 senatori a sostegno di Gentiloni?

«No, in questo documento abbiamo messo quelli che sono per noi i punti dirimenti. In vista della direzione di lunedì avremo dei nodi da sciogliere e oggi, in 17 senatori dei “giovani turchi”, abbiamo voluto mettere nero su bianco i punti irrinunciabili».

Ma alcuni hanno firmato anche la lettera dei 41 per votare nel 2018…

«La prova che la nostra lettera non è una risposta a quella precedente».

Per voi irrinunciabile è andare al voto a giugno?

«Si deve andare al voto appena possibile, una volta rese omogenee le leggi elettorali, dando il premio alla lista che è il modo per salvaguardare la vocazione maggioritaria del Pd».

Il congresso si può rimandare?

«In questa fase l’assillo non è il congresso ma trovare la chiave per rimettere in campo il Pd dando una risposta al voto del 4 dicembre. A partire da due questioni: una strategia di partecipazione che radichi di nuovo il Pd nei luoghi del disagio; fare una grande proposta al paese per un patto contro l’esclusione e contro le disuguaglianze».

Ma allora Renzi non si deve dimettere per avviare il congresso?

«Penso che Renzi farà la cosa che ritiene migliore per l’unità del partito».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *